shintoismo

Presentazione del libro Shintoismo di Rossella Marangoni

L’autrice Rossella Marangoni dialoga con Carmen Covito Domenica 7 Gennaio 2019 ore 16.00 – 17.30. L’insieme composito di riti, culti e concezioni del sacro di varia provenienza che si svilupparono nel Giappone arcaico e che vennero successivamente compresi nella definizione convenzionale, seppur problematica, di shintō (lett.“la via dei kami”), è stato considerato a lungo come la religione autoctona giapponese, ancestrale e immutabile, caratterizzata da una supposta “unicità”.
Fukushi Ito

古今 KOKIN LIBRI D’ARTISTA

La galleria Paraventi Giapponesi - Galleria Nobili ha il piacere di segnalare l'inaugurazione della prossima mostra occasione di confronto tra artisti giapponesi e italiani dedicata al libro d'artista. Il legame tematico è suggerito dal kokin: termine ormai desueto, il lessico giapponese ne mantiene traccia nella lingua e, traducibile con "tempi antichi e moderni", esso racchiude nella forma di un unico lemma due ideogrammi di cui il primo古 significa passato e il secondo 今 allude al presente, suggerendo per estensione qualcosa che è iniziato in epoca antica, ma la cui eco si spande nella contemporaneità.
olio su tavola

沈黙の尺度 LA MISURA DELL’INESPRESSO

Paraventi Giapponesi - Galleria Nobili avvia la sua stagione espositiva con la mostra 沈黙の尺度 La misura dell’inespresso, occasione in cui il lavoro del celebre fotografo giapponese Yamamoto Masao (Aichi, 1957) incontra la suggestiva pittura dell’artista italiano Ettore Frani (Termoli, 1978). La mostra nasce per l’assegnazione a Frani di uno Special Project in occasione del Premio Arteam Cup 2016...
bacio

キスの日 kisu no hi

Giorno del Bacio. Kisu no Hi キスの日 è il titolo della bipersonale che, in omaggio agli Shunga, vede l’artista italiana Francesca Giraudi (Novara, 1973) e l’artista giapponese Mutsuo Hirano (Hyōgo-ken, 1952) presentare una decina di lavori ciascuno tra pittura, disegni e grafica in un serrato dialogo e confronto.

円環する季節 Eterne Stagioni

La mostra si configura come un viaggio attraverso la storia e lo spazio ed è il frutto di una ricerca sperimentale, che porta l’arte antica di un paese lontano ad essere reinterpretata da maestri attuali – italiani, giapponesi ed europei – a testimonianza di come le distanze e i confini delle culture non sono mai così profondi e separati.
illustrazione

重力 Juryoku – Gravità

La mostra, come suggerisce il titolo, è l’esito di un confronto di tre personalità sull’originale tema della gravità, il quale rimanda immediatamente alla nozione fisica che ci spiega questo concetto come quella peculiare forza di attrazione che attira i corpi verso il centro della Terra e, al contempo, è anche l’invisibile interazione che si manifesta tra due masse qualsiasi.
asako hishiki

調和振動する共⽣生空間 SIMBIOSI ARMONICHE

La Galleria Paraventi Giapponesi – Galleria Nobili è lieta di riproporre nel proprio spazio a Milano la giovane artista giapponese Asako Hishiki con la nuova mostra personale intitolata Simbiosi Armoniche. Dopo il felice esordio di Natura Tenue nel 2012, Hishiki si misura con altre tematiche presentando un progetto inedito e itinerante, promosso e sostenuto da NOMURA JOSEI PRIZE, bando che, indetto in Giappone lo scorso anno, l’artista ha vinto.

壺 Tsubo – Vasi

Dopo le collettive su temi della cultura giapponese (Iki e Kage) in cui sono state messe a confronto una selezione di opere di artisti giapponesi e italiani è intenzione della Galleria approfondire tale rapporto presentando ora e in future occasioni un’interazione più serrata tra le due culture. Il Vaso (Tsubo, 壺) come tema trasversale è stato scelto, quindi, per dare modo alle rispettive ricerche artistiche di scandagliare la rappresentazione di un oggetto di uso quotidiano con un’alta densità simbolica e una tradizione millenaria alle spalle.

影 Kage – Ombra

La mostra guarda all’ombra quale mezzo per rendere possibile il recupero e l’esercizio amplificato di tutti i sensi, senza riferirsi esclusivamente alla vista e rivaluta l’ombra stessa che non è più sinonimo di buio, di oscurità ma anche di colore, apparizione e visione svelata.

松 MATSU – PINI DI GIAPPONE

L’artista giapponese Asako Hishiki presenta per la prima volta a Milano il lavoro “Sussurri” ideato in occasione dell’omonima mostra bolognese dello scorso anno. L’accostamento inedito tra una coppia di byōbu con il tema del pino, 松, dell’inizio del XIX sec., firmata Nakata Shinbei e le xilografie di Hishiki è volto a creare un ponte ideale tra epoche differenti
tetsuro shimizu

無常 mujō – impermanenza

La consapevolezza di Mujō  anima i lavori di Tetsuro Shimizu; il nucleo di opere presentate è stato studiato appositamente per l’occasione di questa mostra e concepito tenendo conto degli spazi in maniera specifica ma non vincolante. Il rapporto tra l’opera e lo spazio circostante, sia esso la parete che la accoglie o il vuoto che la circonda, risponde a delle attitudini squisitamente orientali.
Yamamoto Hiroshi

瞬時 とき を刻む INCIDERE IL TEMPO

La Galleria Paraventi Giapponesi – Galleria Nobili è lieta di ospitare per la prima volta in Italia la mostra personale dell’artista e maestro calligrafo YAMAMOTO HIROSHI. Dopo aver affrontato in precedenza la calligrafia più tradizionale, questa mostra mette in luce aspetti inediti e meno noti dello shodō sviluppatisi negli ultimi 100 anni e ascrivibili all’ambito ristretto dello Zeneisho, la calligrafia d’avanguardia.

La petite mort

,
Contrariamente ai suoi soliti progetti, sempre legati alla cultura orientale – e giapponese nello specifico – la galleria Paraventi Giapponesi – Galleria Nobili presenta in questa serata il libro fotografico intitolato La Petite Mort di Dana De Luca. Introdotto da Giorgio Bonomi, questo volume documenta l’omonima serie di lavori su cui la giovane fotografa lavora a partire dal 2007 e che sono stati riordinati in occasione di una selezione del suo port-folio da Le Journal de Photographie.
Mutsuo Hirano

Ri-costruzioni

Ri-costruzione. Tele, paraventi, disegni, sculture e manufatti: tutti gli oggetti esposti testimoniano la diversificazione della produzione artistica di Hirano. La selezione di opere presentata in questa mostra comprende, infatti, tele, paraventi (prodotti per l’occasione e in linea con la tradizione della Galleria), disegni, sculture, oggetti ritrovati e manufatti, pezzi apparentemente slegati tra loro, ma fortemente coesi nella ricerca strenua di un’identità primigenia oramai dispersa.
Mauro Bellucci

いき I K I

“Che struttura ha l’Iki? Con che metodo si può chiarirlo e cogliere la sua essenza? E’ forse una parola universale rintracciabile in tutte le lingue? O esiste solo in Giappone e il suo significato ha una specifica natura etnica?”.* Così Kuki Shūzō inizia il suo studio sul fenomeno Iki a cui si ispira la collettiva proposta dalla Galleria Paraventi Giapponesi – Galleria Nobili, che è studiata in due tappe: la prima negli spazi milanesi per poi approdare nella Sala Comunale di Fortunago.