Terra cruda lab

A cura di Monica Bispo

In concomitanza all’edizione straordinaria di  ORTICOLA 2021, Monica Bispo di Thebis, propone un workshop in cui affronteremo le tecniche per costruire un vaso del diametro di 15 cm in terra cruda partendo dall’argilla e dalla natura. Ogni partecipante realizzerà un manufatto dalla forma minimale e senza bisogno di cottura.

Concept
I materiali naturali sono alla base delle costruzioni abitative nipponiche. La carta, il bambù, la pietra grigia naturale, il legno e la paglia essiccata costituiscono da secoli gli edifici giapponesi.
La paglia, in particolare, è un materiale semplice che accomuna il nostro vaso ai tatami, i tipici “tappeti” utilizzati per pavimentare le abitazioni giapponesi, che valgono, inoltre, come unità di misura di riferimento per misurare gli spazi domestici. I tatami sono ancora oggi composti da paglia di riso intrecciata e pressata. Inoltre, a legare Terra Cruda al Giappone c’è la filosofia di Masanobu Fukuoka, una figura austera nell’ambito della filosofia zen, che infrange i dettami della coltivazione tradizionale con il suo libro “La rivoluzione del filo di paglia”.
Il vaso in terra cruda è ispirato alla “teoria dell’agricoltura del non fare” del biologo e filosofo giapponese. Questa si basa sulla minimizzazione delle azioni da compiere sul terreno e sulle piante. La paglia – utilizzata da Fukuoka per pacciamare il terreno e mantenerlo protetto ed idratato più a lungo – è un ingrediente chiave presente nell’impasto di Terra Cruda.

Il vaso in terra cruda è un valido alleato nella gestione delle piante:

  • il terreno si mantiene idratato a lungo, scongiurando la necessità di innaffiare spesso
  • il ricircolo d’aria all’interno del vaso è garantito dalle pareti traspiranti che riducono drasticamente il rischio di marciumi radicali
  • all’interno del vaso si crea un microclima autonomo che include lo sviluppo di quei microorganismi tanto utili per le nostre piante

Monica Bispo è laureata in Arte e Design all’Accademia di Belle Arti di Salvador Bahia e diplomata in Restauro degli affreschi e delle Superfici Lapidee presso la Scuola di Restauro ENAIP di Botticino.
Nel 2014 ottiene il Master in Progettazione e Conservazione del Giardino e del Paesaggio al Politecnico di Milano.
Ha familiarità con le diverse tecniche di creazione, comprese quelle antiche, e con i materiali più vari, non solo i più nobili e tradizionali ma anche quelli di derivazione industriale.
Il processo creativo, che Monica Bispo cura dalla progettazione alla realizzazione finale dell’oggetto, si manifesta in modo molto semplice: l’idea di un nuovo lavoro si traduce nell’immediata modellazione della materia per giungere al risultato finale, come immaginato da un bambino.

Sede
Paraventi Giapponesi, via Marsala, 4 – Milano

Insegnante
Monica Bispo

Date
domenica 19 Settembre 2021
sarà servito un piccolo aperitivo a fine lezione

Orari
15.00-18.00

Costo
90,00 euro

Numero partecipanti
da un minimo di 4 ad un numero massimo di 6 corsisti

Attrezzature e materiali
messi a disposizione dagli organizzatori. Avrai a disposizione tutti i materiali per portare a termine il tuo personale vaso naturale. Inoltre ti sarà fornita una piantina con la quale completare il tuo vaso nella fase finale del laboratorio

Modalità d’iscrizione
inviare una mail a info@paraventigiapponesi.it

Sicurezza
in ottemperanza alle regole di sicurezza COVID 19.
Dal 6 Agosto è richiesto l’accesso con green pass per accesso ai corsi e workshop

Modalità di pagamento
a mezzo bonifico

Rimborsi
85% dell’iscrizione se la disdetta avviene entro 10 o più giorni prima del corso
50% dell’iscrizione se la disdetta avviene entro 7 giorni prima del corso
nessun rimborso se la disdetta avviene a meno di 7 giorni prima del corso e/o in caso di mancata partecipazione

Informazioni
+ 39 02 655 1681 | info@paraventigiapponesi.it